I Cenni storici del Centro Diocesano Confraternite Palermo
saranno a breve on line.

I DELEGATI

I PRESIDENTI

DAL 1971 AL 1981 PRESIDENTE FONDATORE

DAL 1981 AL 1984 – DAL 1984 AL 1988

DAL 1988 AL 1991 – DAL 1991 AL 1994

DAL 1994 AL 1997 – DAL 1997 AL 1999

DAL 1999 AL 2001

DAL 2001 AL 2005 – DAL 2005 AL 2011

DAL 2011 AL 2018

DELEGATO IN CARICA

Mons. Giovanni Cassata nasce a Ventimiglia di Sicilia (PA), il 7 Marzo 1965. Nel
1983, conseguito il diploma di Geometra presso l’Istituto Tecnico “Filippo
Parlatore”, entra nel Seminario Arcivescovile di Palermo e, dopo gli anni del propedeutico, inizia gli studi filosofico-teologici presso la Facoltà Teologica di Sicilia “S. Giovanni Evangelista”. Nel 1989 si trasferisce a Roma e conclude il cursus
studiorum presso la Pontificia Università Lateranense, mentre completa la sua
formazione al Sacerdozio nel Seminario Internazionale “Giovanni Paolo II” di Roma. Il 3 Maggio 1992 riceve l’Ordinazione sacerdotale nella Basilica Parrocchiale di S. Barnaba Apostolo in Marino (RM), dalle mani del Vescovo di Albano, Mons. Dante Bernini. In quella Diocesi Suburbicaria si incardina e lavora per più di vent’anni. Inizialmente svolge per sette anni l’ufficio di Vicerettore presso lo stesso Seminario Internazionale di Roma e nel contempo frequenta i corsi di Licenza in Teologia biblica presso la Pontificia Università Gregoriana e quelli di Teologia spirituale presso la Pontificia Università Teologica Teresianum. In quegli anni, presso la Gregoriana, frequenta pure il Centro San Pietro Favre per i Formatori al Sacerdozio e alla Vita Consacrata e contemporaneamente viene nominato parroco nella Parrocchia di S. Agostino Vescovo, di Torvajanica (RM), sul litorale romano. Lasciato il Seminario ritorna a lavorare a tempo pieno in Diocesi, prima come parroco della Parrocchia di S. Rita da Cascia, a Frattocchie, poi della Parrocchia di S. Maria Maggiore, a Lanuvio (RM), antico borgo dei Castelli romani, e infine come
Arciprete-Parroco della chiesa Madre di Aprilia (LT), popoloso centro industriale
dell’Agropontino. Ha svolto anche l’ufficio di Delegato Vescovile per il Diaconato
permanente e quello di Vicario Foraneo. Canonico del Capitolo della Cattedrale di
Albano, nel 2009 è stato nominato Cappellano di Sua Santità e nel 2012 insignito
della Commenda dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme. Nel
2013, rientrato a Palermo, viene incardinato nel Presbiterio dell’Arcidiocesi dal Card. Paolo Romeo e nominato parroco della Parrocchia Nostra Signora della Consolazione di Palermo, dove tutt’ora svolge il suo ministero. S. E. Mons. Corrado Lorefice lo ha nominato Cancelliere del Tribunale Ecclesiastico Interdiocesano Siculo e successivamente, dopo che ha lascito l’incarico, il 24 Novembre 2018, Delegato Arcivescovile per le Confraternite dell’Arcidiocesi. Dal 1° Gennaio 2020 è anche direttore dell’Ufficio Feste della Curia Metropolitana.

PRESIDENTE IN CARICA

Biagio Maurizio Puleo, nato a Palermo il 24 marzo 1963. Confrate Professo dal 1985 e già Superiore della Venerabile Confraternita del Porto e Riporto di Maria SS. Immacolata fondata nel 1726. Già Commissario Arcivescovile e Confrate Aderente dal 2000 della Venerabile Confraternita di S. Oliva e S. Omobono dei Maestri Sarti fondata nel 1485.
Già Consigliere, Segretario, Vice Presidente Vicario e Presidente del Centro Diocesano Confraternite Arcidiocesi di Palermo.
Dopo aver conseguito la maturità classica presso l’Istituto Salesiano Don Bosco Sampolo di Palermo ha conseguito la laurea in Scienze Politiche indirizzo Amministrativo presso l’Università degli Studi di Palermo.
Già Quadro Direttivo dell’Azienda Bancaria Unicredit S.p.A.
Grand’Ufficiale dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme della Sezione di Palermo, Socio del Serra Club di Palermo, dell’Unione Ex Allievi Salesiani Sampolo Palermo e del Rotary Club Palermo Ovest.
Già Componente il Consiglio di Amministrazione della Società Interporti Siciliani.
Consigliere del Consiglio Superiore della Fondazione Sicilia.
Coordinatore dell’organizzazione della:
MEDIECCLESIA nel 1991 in occasione del giubileo sacerdotale ed episcopale del Card. S. Pappalardo nel XX anniversario di ministero a Palermo;
del IV Cammino Nazionale delle Confraternite delle Diocesi d’Italia – Palermo 1993;
delle celebrazioni per il 150° anniversario della proclamazione del Dogma dell’Immacolata Concezione – Palermo 2004.

LE SEDI

S. Cristina La Vetere

Santa Cristina La Vetere

Al Centro Diocesano di Palermo, come prima sede, gli furono affidati i locali adiacenti all’antica chiesa di Santa Cristina La Vetere a pochi passi dalla Cattedrale. In questa sede il Centro mosse i suoi primi passi, i vecchi confrati lo ricordano con affetto per i tanti pomeriggi passati in fratellanza.

San Matteo

San Matteo

Seconda sede (in ordine cronologico) del Centro, a pochi passi dai “Quattro Canti”, erano i locali della non più esistente confraternita dei Miseremini, sono stati punto di incontro e condivisione per tutte le confraternite della Diocesi.

S. Cristina La Vetere

Santa Cristina La Vetere

Al Centro Diocesano di Palermo, come prima sede, gli furono affidati i locali adiacenti all’antica chiesa di Santa Cristina La Vetere a pochi passi dalla Cattedrale. In questa sede il Centro mosse i suoi primi passi, i vecchi confrati lo ricordano con affetto per i tanti pomeriggi passati in fratellanza.

San Matteo

San Matteo

Seconda sede (in ordine cronologico) del Centro, a pochi passi dai “Quattro Canti”, erano i locali della non più esistente confraternita dei Miseremini, sono stati punto di incontro e condivisione per tutte le confraternite della Diocesi.

Santa Cristina La Vetere

Santa Cristina La Vetere

Al Centro Diocesano di Palermo, come prima sede, gli furono affidati i locali adiacenti all’antica chiesa di Santa Cristina La Vetere a pochi passi dalla Cattedrale. In questa sede il Centro mosse i suoi primi passi, i vecchi confrati lo ricordano con affetto per i tanti pomeriggi passati in fratellanza.

San Matteo

San Matteo

Seconda sede (in ordine cronologico) del Centro, a pochi passi dai “Quattro Canti”, erano i locali della non più esistente confraternita dei Miseremini, sono stati punto di incontro e condivisione per tutte le confraternite della Diocesi.

FOTO GALLERY

IL 4° CAMMINO NEL 1993

A Palermo nel maggio 1993 si è tenuto “Il quarto cammino” cioè il raduno nazionale della Confraternite d’Italia, organizzato dalla Confederazione Nazionale delle Confraternite d’Italia con tema “Nuova evangelizzazione e cultura della legalità”. L’evento è stata l’occasione nella quale si è voluta rivisitare e ripercorrere la storia e la vita di queste preziose aggregazioni, molto significative per l’esperienza quotidiana della comunità cristiana.
Durante l’evento sono stati organizzati diversi incontri e dibattiti, oltre a mostre e momenti di preghiera.
La denominazione di cammino è una metafora per indicare la strada che si deve percorrere per poter seguire le regole cristiane.
Durante questi incontri è forte la prova della propria fede, e come sua testimonianza di chi si incontra lungo il cammino oltre che lo scambio e l’incontro tra altri confratelli, nonché una vera e propria manifestazione popolare e laica.
L’evento è stato molto partecipato dai confrati a livello nazionale. Esso ha segnato le realtà confraternali della Diocesi palermitana donando innovazione e ispirazione su attività religiose e di carità.
L’evento del 1993 è stato fortemente voluto dal Cardinale Salvatore Pappalardo e sapientemente organizzato da tutta l’Arcidiocesi. Fondamentale è stato l’apporto organizzativo e spirituale di Monsignor Francesco Mirabella, ai tempi delegato arcivescovile di Palermo e regionale delle Confraternite di Sicilia.